U14F Padova: Olympia corsara, 3-1 a Legnaro

Pubblicato da

Trasferta vincente per le giovanissime di OlympiaSantAgostino guidate dal trio Cavinato-Soffiato-Bigolaro. In quel di Legnaro, capitan Barbieri e compagne piegano per 3-1 le padrone di casa, formazione temibile che disputa con le stesse atlete anche il campionato Under 16, al termine di una partita estremamente sofferta più però per demeriti propri che per meriti delle pur valide avversarie. Dopo un primo set vinto quasi esclusivamente grazie a tre turni devastanti in battuta, le Dark Blue Girls hanno ceduto il campo alle avversarie, rinforzate dall’arrivo di alcune ragazze che erano impegnate in trasferta nel campionato Under 16, rimettendo tutto in discussione. Nel terzo set, come la settimana prima contro Sant’Angelo di Piove, la rinascita: maggior fluidità nella manovra, maggior fiducia in attacco, e sempre la battuta a scavare i break, come da marchio di fabbrica di questa squadra. A nulla sono serviti gli innesti di tutte le ragazze da parte delle padrone di casa, che non sono riuscire a invertire l’inerzia dell’incontro, finito meritatamente nelle mani delle ospiti, che si portano a 5 punti in classifica. “Una vittoria insperata, contro un avversario superiore sulla carta e più avanti di noi nello sviluppo del gioco – commenta coach Cavinato – Noi non ci siamo espresse in maniera scintillante, viviamo ancora di folate individuali, e ci aggrappiamo al nostro servizio che comunque è si assoluto rispetto per la categoria: dobbiamo crescere nell’atteggiamento e nella fluidità della costruzione, siamo molto lontane dall’esprimere il nostro potenziale, che è molto superiore a quello che stiamo facendo vedere ora. Proprio per questo comunque, questo successo vale doppio, considerati i margini di crescita che abbiamo. Dobbiamo però stare attente a non pensare che i buoni risultati automaticamente significhino che vada tutto bene: sicuramente fanno morale e rendono più sereno il lavoro in palestra, ma siamo solo all’inizio, dobbiamo crescere ancora moltissimo.”

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 330 volte