DF/C: Miozzo Pall. Valsugana – Yes Organic Olympia Volley 3-2

Pubblicato da

Primo derby padovano di campionato tra due formazioni con obiettivi contrapposti. L’Olympia entra con Zanatta alzatrice, Morbin opposto, in banda Nusso e Fiorini, al centro Benetti e Carraro, liberi Belsanti e Rossi. Miozzo ancora senza la lungodegente Chiara Boato, comunque utile alla causa con suggerimenti dal tavolo, dentro con Elena Borgo palleggiatrice, Anna Romito opposto, Silvia Romito e Cecilia Turetta centrali, Elisa Vanzato (febbricitante) ed Aurora Veronese schiacciatrici, libero Lisa Pierangelo.
Partita molto bella, condita da diversi mini-break e moltissime azioni appasionanti. Ace di Cecilia, dopo un errore ospite (2-0), capovolgimenti di fronte continui con difese sugli scudi, in particolare un’effervescente Lisa in versione spider-girl. Rigore di Carraro (07-10), Anna incendia il pallone in attacco e poi in battuta, non è da meno Aurora che dà fuoco alle polveri negli stessi fondamentali (12-11). Un paio di errori (12-14), ma il Valsugana c’è e trova nuovamente il pari con un doppio gol di Elena dai nove metri (15-15). Il Miozzo dà fiato alla sua manovra con il gioco al centro quando può, con Silvia e Cecilia dinamitarde in primo tempo ed ancor di più in fast, poi un gran palleggio in sospensione filo rete di Elena apre il gioco per la catapulta Aurora che pennella una traiettoria powerful sulla riga (21-18). Manca solo la continuità, in particolare al servizio che vede molte battute pericolose (o ace) ed anche diverse palle out, così l’Olympia può provare il recupero, con Artuso che entra apposta per la battuta ed ottiene il risultato sperato: ace (21-20). Il Valsugana comunque conquista i due cambio-palla successivi (24-22), al primo tentativo vince con merito su una schiacciata sbagliata delle rivali che chiamano in causa l’Onnipotente, non aspettandosi forse un Miozzo così positivo e combattivo (25-22).

Nell’Olympia entra Thiam, sembra rimasto in panchina il Valsugana che subisce Benetti a muro e non riesce a ritrovarsi nei primi scambi (0-4). Posto sei e parallela sono una miniera di punti per i laterali (06-09), anche se la difesa è meno puntuale, certo anche per meriti dell’Olympia che cresce di livello un po’ in ogni fondamentale (07-12). Mentre nelle ospiti tutto gira a dovere, il Miozzo va a sprazzi, fatica al servizio e sonnecchia particolarmente su alcuni palloni, inoltre qualche errore sarebbe sicuramente evitabile (11-18). Dentro Eva Ruzzon (11-18), subito un attacco strong per lei. Le locali abbozzano una discreta rimonta (15-19), ma soffrono in ricezione e la costruzione del gioco non sempre è fluida. In campo Elisa Bertolin da un lato, Morbin dall’altro. Sussulto delle padroni di casa con un paio di ace, il Miozzo comunque molla su colpi e servizio ospiti (18-25).

Formazioni titolari di giornata in campo per il terzo parziale. Muro imperiale di Silvia che dà morale e tranquillità, dopo un avvio farraginoso. Aurora bussa due volte, di potenza la prima palla e di precisione estrema la seconda. Anna sugli scudi (8-5), entra Artuso, muro di Benetti ed ace di Zanatta a rintuzzare (10-09). Il Miozzo non fa una piega e torna a macinare gioco, difende molto con l’aspiratutto Lisa e trova attacchi in serie di Elisa e Cecilia, con quest’ultima che timbra due sonori muri (17-12). Nell’Olympia viene chiamata a dare il proprio apporto Thiam (18-13). Il Valsugana piace molto per carattere, presenza e gioco, nelle singole e come collettivo. Elena pennella un paio di palloni superbi per Elisa che buca il pavimento da posto quattro e due indifferentemente (22-15). Torna Nussio, non interessa ad Elisa che tira fuori l’ace dal cilindro. Spazio a Camilla Caponi, Elisa continua  a mietere vittime dai nove metri. Dentro pure Eva nel Valsugana e Turato nell’Olympia. Errore in battuta, uno dei set migliori della stagione e punto assicurato in classifica per il Valsugana (25-16).

Nel Miozzo torna Anna, rimane Eva; nell’Olympia cambio di diagonale con l’ingresso di Grigolon in regia e Thiam opposto. Buon gioco, un paio di muri pagano il vantaggio alle ospiti (3-7). Tanto Olympia e tanta Thiam in battuta, il Miozzo fatica a tenere (05-10). Le locali sfoderano alcune azioni super, restando quantomeno in scia (09-14), rinviando solamente la fuga dell’Olympia (09-18). Il Valsugana è vivo, soprattutto in attacco e battuta (16-19): muro di Silvia imitata da Cecilia, ad Elisa viene male al braccio al servizio e colleziona vari ace, Anna da brivido con coraggio mette a terra un punto che fa sognare la Serie A, poi un’azione stripotosa con doppio positivo di Lisa, Elena che imbecca Eva e quest’ultima che punge di nuovo. Contro-break ospite che, nonostante un paio di ace di Eva, conquista il set con il punto di Carraro che capitalizza una ricezione lunga (20-25).

Previste nevicate dopo la vittoria al sorteggio del tie-break, ma la palla in mano non favorisce il Miozzo, anche se arriva pronto il recupero (2-2). Tra le padroni di casa torna in campo Aurora, tutto confermato nell’Olympia. Quinto set di grandissima intensità, punto a punto fino alle soglie del cambio di campo, quando Benetti ed un errore sparigliano la situazione (5-8). Il Miozzo non ci sta e mette fiato sul collo delle avversarie, le quali ricorrono a Zanatta (8-9). Il nervosismo ingiustificato dell’Olympia la penalizza, le padroni di casa fanno ampiamente il proprio dovere: parità, tutto si gioca negli ultimissimi scambi (10-10). Mini-break preziosissimo per le locali che ribaltano la situazione con grande merito (13-11). Cambio-palla, ultimo punto delle ospiti: il Miozzo fa suo il derby sull’ace di Elisa (15-12).

Post-gara un po’ convulso, comunque buon derby che porta vittoria, punti contro una rivale forte e una bella prestazione: con un pizzico di costanza in più e ulteriori margini di crescita, il Valsugana può sicuramente dire la propria!!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 310 volte