B2F/D: Union Volley Jesolo-Eraclya Aduna Padova 1-3

Pubblicato da

Union Volley Jesolo-Eraclya Aduna Padova 1-3

Sesto successo consecutivo, ma che fatica. Eraclya Aduna Padova s’impone 1-3 in rimonta sul campo dell’Union Volley Jesolo e conserva la leadership del girone D di B2 Femminile. Bene il risultato (e la classifica), male la prestazione, come ammesso da coach Amaducci al termine della gara. La capolista è andata sotto 1-0 e ha stentato anche nei parziali successivi, messa sotto da un avversario giovane e sfrontato, in battuta (15 ace) come in attacco. Benedetta l’esperienza allora, quella che è mancata a Jesolo nei momenti clou e che è venuta in soccorso di Eraclya in una serata terribilmente complicata.

LA PARTITA
Prima da titolare in stagione per Angelini (out Zecchin), confermato il resto della formazione di Eraclya: Rossi in regia e Mattiazzo opposto, Volpin e Fanelli centrali, Tolin schiacciatrice, Stocco primo libero. L’Union Volley Jesolo di Cristiano Lucchi in campo con Simonetto-Riccato in diagonale, Testi-Bisegna al centro, Galbero-Zech in posto quattro, Fabris primo libero.

Più brillante Jesolo in avvio, Aduna tiene comunque il passo delle padrone di casa e si prende un break di vantaggio con Mattiazzo in battuta (9-11). Due ace di Riccato, fast di Testi, ora c’è Jesolo davanti (14-12). Volpin risponde per le rime con il servizio della nuova parità (14-14), ma Galbero trascina ancora al comando le veneziane (18-15, time Amaducci). Galbero-Testi, Jesolo scappa, secondo tempo chiamato dalla panchina patavina (20-15). Ace di Galbero, lungo scambio chiuso da Zech (24-16), Aduna sbaglia l’ennesima battuta e consegna il parziale alle locali: 25-17. 1-0.
Cambio campo, subito 4-1 Jesolo (ace di Bisegna Riccato). Volano le padrone di casa grazie a Galbero, coach Amaducci sostituisce Angelinicon Zecchin (6-1). Per fortuna Jesolo inizia a sbagliare qualcosa (8-6), poi c’è l’ace di Rossi a rilanciare Eraclya (8-7). La neo entrata Zecchin firma il pari (9-9), altro errore delle locali e time out per coach Lucchi (9-10), che poco dopo inserisce Guizzardi e Dalla Pozza per Simonetto e Fabri. Non serve a placare la furia di Aduna, sospinta dai muri di Volpin e Mattiazzo e dalla battuta di Fanelli fino al 10-17 (dentro anche Chiappetta per Zech). Altri due muri, di Volpin e Rossi (11-20), schiacciata vincente di Zecchin (11-21). Le ospiti si inceppano ad un passo dal traguardo (18-24, ace di Testi e time Amaducci), ma a togliere le castagne dal fuoco arriva la zampata di Tolin19-251-1.
Terzo set, Zecchin confermata nel sestetto ospite. Jesolo prende margine sfruttando il turno al servizio di Bisegna (6-3, time Amaducci). Ringhia Tolin da posto quattro (doppietta per il 7-6), pari di Mattiazzo da seconda linea (7-7). Squadra di casa di nuovo avanti (11-9, muro di Galbero), nel marasma generale Aduna viene tenuta a galla dai muri di Fanelli e Volpin, prima della battuta vincente di Zecchin che rimette in equilibrio la contesa (15-15, time Lucchi). Bontà sua, Jesolo pasticcia nel momento topico, Rossi la punisce con un ace (17-19Chiappetta rileva Zech). Improvviso blackout ospite, Testi al servizio propizia la rimonta delle veneziane (20-20, fuori Tolin per Angelini), si va punto a punto. Sul 23-23 Jesolo manda Basso in battuta (out Bisegna) e Aduna chiama time. Le ospiti sciupano la prima palla set, non la seconda conquistata da Angelini: ace di Volpin, 24-261-2.
Angelini resta in campo per il quarto parziale. Il break iniziale è di Aduna con Zecchin e Volpin (muro), 3-5. Ace di Testi, diagonale di Galbero6-5 Jesolo. Due errori delle locali, 6-8, time Lucchi. Passa Fanelli al centro, Volpin bombarda dai nove metri (6-10Matrocinque perGalbero tra le veneziane). Riccato (muro) e Simonetto (ace), pronta la reazione di Jesolo (9-12), ma Fanelli non è in vena di cortesie (tris personale, con due muri, per il 10-17). Rallentano le ospiti, coach Amaducci interviene per suonare la sveglia (13-18). Ci sono gli ultimi morsi delle jesolane (15-18 20-23, sugli scudi Zech Mastrocinque), poi la capolista – guidata da una super Volpin – trova strada libera verso i tre punti: 21-251-3 Aduna.

Non è soddisfatto a fine gara il tecnico di Eraclya Lorenzo Amaducci“Partita sofferta, purtroppo continuiamo a essere molto altalenanti, ci adattiamo all’avversario e questo è sempre un grande rischio. Jesolo ha fatto un’ottima gara, battendo molto bene e mettendoci in difficoltà anche in attacco. Hanno peccato di esperienza, soprattutto nel secondo e nel terzo parziale che ci hanno praticamente regalato. Noi abbiamo avuto il merito di non buttare via le occasioni capitate: ci prendiamo questi tre punti, ma la prestazione non è stata positiva”.

TABELLINO
Union Volley Jesolo-Eraclya Aduna Padova 1-3 (25-17, 19-25, 24-26, 21-25)

Battute punto/errori: Jesolo 15/11, Aduna 9/12; Ricezione: Jesolo 31%, Aduna 43%; Attacco: Jesolo 34%, Aduna 39%; Muri punto: Jesolo 9, Aduna 11.

Union Volley Jesolo: Zech 14, Testi, Galbero e Riccato 12, Bisegna 6, Mastrocinque 4, Simonetto 3, Basso, Guizzardi e Chiappetta 0, Spadotto NE; liberi: Fabris e Dalla Pozza. Coach: Cristiano Lucchi.

Eraclya Aduna Padova: Volpin 15, Mattiazzo 11, Fanelli 10, Zecchin 9, Tolin 6, Angelini e Rossi 4, Celegato, Rampazzo e Canola NE ; liberi: Stocco e Montaguti. Coach: Lorenzo Amaducci.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 721 volte