B2F/D: Match preview Villadies Farmaderbe-Eraclya Aduna Padova

Pubblicato da

Punti pesanti in palio a Villa Vicentina, provincia di Udine, dove sabato 2 marzo (ore 20.30) Eraclya Aduna Padova sfiderà le Villadies Farmaderbe padrone di casa. La squadra di Lorenzo Amaducci si è rimessa in moto con la netta vittoria su Trieste, la contemporanea sconfitta di Chions ha reso meno impossibile la rimonta playoff, ora però bisogna verificare quanta benzina hanno in corpo Mattiazzo e compagne in vista del rush finale della stagione.

Di sicuro il test friulano sarà di tutt’altro spessore rispetto a quello “morbido” della scorsa settimana. Le Villadies sono reduci da due convincenti successi su Udine in casa (3-0) e Staranzano in trasferta (1-3), sei punti tondi tondi che hanno permesso alle ragazze di Fabio Sandri di issarsi al settimo posto, a quattro punti da Aduna, quinta. Due sole posizioni di differenza in classifica, ma prospettive quasi agli antipodi per le prossime sfidanti: Eraclya coltiva speranze playoff, le Villadies sembrano piuttosto preoccupate di non farsi risucchiare nella bagarre salvezza. Il vantaggio sulla zona rossa è di cinque lunghezze, margine confortevole ma non ancora di assoluta tranquillità.

Da una parte e dall’altra della rete, sabato si va in campo per vincere. Sul versante Aduna lo sprone arriva dalla palleggiatrice Miriam Rossi“Sarà una partita tosta, loro in casa sono molto pericolose, in più arrivano da un periodo positivo e non hanno nulla da perdere. Per noi, invece, i punti in palio sabato, come tutti quelli delle prossime settimane, sono fondamentali per riuscire a raggiungere l’obiettivo playoff. Detto ciò – spiega Rossi – dobbiamo stare tranquille e giocare al massimo delle nostre possibilità con ordine, grinta e con quella voglia di non far cadere mai la palla che abbiamo già dimostrato in passato”.

Passato, quello recente non può che invitare all’ottimismo l’alzatrice veronese: “La vittoria con Trieste? Non so se sia stata una svolta vera e propria, ma sicuramente è stata positiva sia a livello morale sia per il fatto che non ci siamo mai adattate all’avversario, a cui non abbiamo lasciato il tempo di reagire. La squadra sta bene e anch’io mi sento bene – conclude Rossi – La gamba a cui avevo fastidio nelle scorse settimane non mi dà più problemi e sono tornata in palestra pronta a dare tutto insieme alle mie compagne”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 42 volte