B2F/D: Match preview: Eraclya Aduna Padova-Volley Eagles Vergati

Pubblicato da


Secondo derby consecutivo, un’altra occasione di rilancio per Eraclya Aduna Padova. Se la prestazione (almeno a tratti) positiva contro Vispa non è bastata per tornare alla vittoria, la sfida casalinga al Volley Eagles Vergatidi sabato 23 marzo (ore 20.30) deve rappresentare un ulteriore passo in avanti. Detto in altre parole, ora servono i risultati. Li richiede soprattutto la classifica, che vede la squadra di Lorenzo Amaducci pericolosamente vicina alla temutissima zona rossa. Quattro punti di vantaggio su Jesolo quartultima: in mezzo ci sono anche altre squadre, è vero, ma il margine è diventato troppo sottile per sentirsi al sicuro.

Non sembrano avere di questi problemi le Eagles Vergati, oggi più vicine alla zona playoff che non a quella retrocessione. Merito di una striscia positiva di tre successi, tutti da tre punti: 3-0 interno su Udine0-3 in casa di Staranzano3-1 su EstVolley nell’ultimo turno di campionato. Un momento d’oro che ha senza dubbio un nome e un cognome: Luca Artuso, il nuovo coach delle aquile, subentrato nelle scorse settimane a Riccardo Riato, separatosi consensualmente con il club di Sarmeola. La “cura” del giovane tecnico  patavino ha portato le Eagles a compiere il sorpasso in classifica su Aduna, meritandosi i galloni della favorita in questo derby.

Dunque, posizione invertite rispetto al confronto dell’andata, che costò il primo ko stagionale (al tie-break) ad Eraclya, allora capolista. Oggi, invece, i punti servono per portare a termine quanto prima la missione salvezza: “Contro le Eagles dobbiamo provare a dare la svolta decisiva, anche in vista delle prossime gare che sono una più difficile dell’altra – commenta alla vigilia la centrale di Aduna Francesca Volpin – C’è bisogno della presenza e del contributo di tutte. Ci può aiutare ad affrontare al meglio la sfida di sabato il pensiero che non giocheremo una partita qualunque, ma un derby, per di più in casa nostra. Dobbiamo presentarci in campo aggressive e convinte di quello che facciamo, consapevoli che siamo in grado di esprimere una pallavolo di alto livello”.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il momento no della squadra, ma Volpin professa comunque ottimismo: “Sicuramente non veniamo da un periodo positivo – afferma – e non è facile per nessuno avere una reazione immediata, ma è importante capire che ci vuole del tempo per uscire da questa situazione. La partita contro il Vispa ha fatto vedere che il gruppo ci crede ancora e che la serie di allenamenti positivi sta dando i primi frutti. Ora sta a noi raccogliere quanto di buono stiamo seminando”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 348 volte