ALIA ADUNA PADOVA, CELEGATO: “A NOVENTA PER GIOCARCELA, ‘IMPOSSIBILE’ NON ESISTE NEL NOSTRO VOCABOLARIO”

Pubblicato da

Comunicato Stampa
ALIA ADUNA PADOVA, CELEGATO: “A NOVENTA PER GIOCARCELA, ‘IMPOSSIBILE’ NON ESISTE NEL NOSTRO VOCABOLARIO”

Tentare l’impossibile, anche perché, in fondo, l’impossibile non esiste nella pallavolo. Alia Aduna Padova l’ha dimostrato la scorsa settimana, riacciuffando per i capelli un derby che sembrava ormai perso, ma questa volta l’asticella è fissata ben più in alto: sabato 20 febbraio (ore 20.30, diretta streaming gratuita sulla pagina Facebook di Aduna) le ragazze di Annalisa De Felip sfideranno in trasferta la capolista Ipag-Acqua Brevetti Noventa.
Nove punti su nove conquistati fin qui e un solo set concesso alle avversarie: la compagine guidata da Luca Zanon sta cannibalizzando questo primo mini-girone e francamente c’erano pochi dubbi a riguardo. Il tasso tecnico delle vicentine è da fuori categoria, in ogni reparto: l’etoile è la schiacciatrice Gomiero, che qualche anno fa ha calcato perfino il palcoscenico della Champions League, ma insieme a lei ci sono anche le varie Pastorello, Zanguio, De Toffoli, Morgia e altre ancora.

Tante punte di diamante che fanno di Noventa la squadra da battere, ma forse non una squadra imbattile. Così perlomeno la vede Giorgia Celegato, centrale di Alia Aduna: “Noventa parte senza dubbio favorita ma noi proveremo comunque a sfruttare i loro punti deboli. La parola impossibile non esiste nel nostro vocabolario: sarà sicuramente difficile ma dopo la prestazione di sabato siamo molto più consapevoli del nostro potenziale”.

Celegato detta anche la “formula” per cercare di sorprendere la capolista: “Dovremo essere molto determinate, con una corazzata come Noventa non possiamo permetterci errori inutili: ogni punto farà la differenza. Giocheremo contro una squadra con molta esperienza, sta a noi rimanere concentrate sull’obiettivo sin dal riscaldamento. Chi mi piacerebbe murare? Sicuramente la mia pari ruolo Pastorello, ma a questo punto direi, perché limitarmi a murare solo lei?”.

“Benedetta gioventù” si dirà, visto che a parlare è un’atleta del 2002. In realtà si tratta piuttosto di una presa di coscienza di tutto il gruppo Alia dopo il derby vinto con le Eagles: “È stata una partita fondamentale per noi – spiega Celegato -, essere riuscite a vincerla ci ha dato una carica pazzesca e ci ha aiutato a credere ancora di più nelle nostre capacità. Abbiamo dimostrato che non ci scoraggiamo mai, nemmeno nei momenti più difficili, e che ognuna di noi è importante in questa squadra, sia che inizi tra le titolari sia che parta dalla panchina. Come detto, però, dobbiamo imparare a limitare gli errori: sabato scorso ci siamo fatte recuperare diverse volte da situazione di vantaggio, peccando di lucidità, ed è qualcosa che non ci possiamo permettere contro Noventa”.

Celegato è stata tra le migliori nella sfida con Eagles, ma sa di avere ancora ampi margini di miglioramento: “Devo lavorare sulla continuità e cercare di essere meno altalenante così da mantenere lo stesso livello di prestazione dall’inizio alla fine della gara”.

Con cortese preghiera di pubblicazione
——————————————-
Mario Caporello
Ufficio Stampa Aduna Volley Padova
339-7383817
ufficiostampa@adunavolley.it

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 60 volte