ALIA ADUNA PADOVA: PRONTO RISCATTO,ORGIANO TRAVOLTA 0-3

Pubblicato da

 

Pronto riscatto. Alia Aduna Padova travolge 0-3 la Laserjet Orgiano nella prima giornata di ritorno di B2 Femminile. Per cancellare la deludente prova di sabato scorso a Noventa, la formazione di Annalisa De Felip era chiamata a una reazione immediata nel turno infrasettimanale. Detto, fatto: Alia in terra vicentina ha messo in campo l’orgoglio e soprattutto con la testa giusta, quella che le ha permesso di gestire ritmi della gara a proprio piacimento.

LA PARTITA
Annalisa De Felip, tecnico di Alia Aduna Padova, cambia la sua diagonale titolare, schierando dall’inizio Tiozzo e Grandis. Completano la formazione ospite Volpin e Celegato come centrali, Miecchi e Rampazzo in posto quattro, Cavalera libero. La Laserjet Orgiano di coach Giorgio Viale al via con Trissino alzatrice e Canazza opposto, Bertelle-Capparotto in posto tre, De Paoli-Cappellotto schiacciatrici, Perin libero. Arbitrano l’incontro Roberto Danieli e Davide Iosca di Verona.

Avvio all’insegna della sostanza per Alia, che scappa avanti 2-5 con muro di Volpin. Molto fallosa Orgiano, Viale se ne avvede e chiama time: 3-8. Continua la sequela di errori vicentini sul buon turno in battuta di Volpin, Miecchi azzanna un gran pallone in contrattacco e fa 3-11: ancora interruzione richiesta dal tecnico di casa. Ispiratissima Miecchi, grimaldello delle ospiti in questo parziale (6-14). Abbozza una (timida) reazione Laserjet (9-15), Volpin rispedisce il tentativo al mittente (9-18). Sempre Miecchi sugli scudi (12-22), Aduna, però, si sta rilassando un po’ troppo per i gusti di coach De Felip che chiama time dopo l’ace del 15-22 di Cappellotto. Ci ha visto bene l’allenatrice patavina, Canazza e Cappellotto (17-22) accorciano ulteriormente il gap. Non è abbastanza, comunque, perché la rimonta vicentina si concretizzi: 19-25, 0-1 Alia.
Cambio campo, Orgiano riparte con una sfilza di pasticci: 1-4 firmato Volpin, mentre Viale ha già sostituito Trissino con Marchetto. Su di giri Volpin (ace del 3-6), il resto della banda ospite per ora traccheggia, tanto che Bertelle può agguantare la parità, sempre in battuta (8-8). Ci pensa Grandis a rilanciare la corsa di Alia, con un altro ace, quello del 9-12: time out chiamato da Viale. Vero, la squadra di casa ci sta mettendo parecchio del suo (fuori anche De Paoli per Marconcini), ma la crescita dell’ensemble Aduna è sempre più evidente, tanto che Viale è costretto al secondo time (11-16 dopo ace di Rampazzo). Esce anche Cappellotto per Donadello tra le vicentine, intanto il giro in battuta di Tiozzo manda in orbita Padova: 13-21. Finale di assoluta tranquillità, suggellato dalla doppietta di Volpin: 16-25, 0-2 Alia Aduna.
Terzo set, si battaglia, e soprattutto si difende, a gran ritmo. Aduna si appoggia sempre su Miecchi per sbrigare i palloni più caldi, ma è Grandis a consegnare il primo mini-break alle ospiti (5-7). Bertelle cancella la distanza in fast (8-8), la dirimpettaia Celegato (attacco e ace) le risponde prontamente per le rime: 8-11, time Viale. Alia sta giocando di astuzia più che di foga, aspetta l’errore avversario piuttosto che affondare il colpo, Orgiano invece punta sulla potenza dell’ex Canazza. Alla lunga, la pazienza delle ospiti sembra avere la meglio: block pesante del tandem Tiozzo-Celegato, nello scambio successivo difesa strenua di Grandis ed errore vicentino: 12-17, Tiozzo deve lasciare temporaneamente il posto a Tonina per un piccolo problema al dito. Torna a brillare la stella di Miecchi, attacco e poi due ace di fila, 14-21. Ultimo, disperato assalto di Orgiano: 17-21 con la solita fast di Bertelle e time per De Felip. Le ospiti si rimettono sul binar
io giusto con l’attacco di Rampazzo del 17-22. La stessa numero dieci mette la firma sul punto della vittoria 18-25, 0-3 Alia Aduna Padova.

Soddisfatta coach Annalisa De Felip, che svela la genesi di questo successo: “Sono tre punti importanti per molti motivi. Fanno bene alla classifica, al morale di tutta la squadra e ci danno la consapevolezza che il lavoro svolto in palestra con continuità e impegno ci porta ad esprimerci su alti livelli in ogni fondamentale. Siamo scese in campo sapendo che Orgiano è un’ottima squadra e che aveva ottenuto dei buonissimi risultati nelle ultime partite precedenti, ma noi siamo state molto determinate e aggressive, lasciando davvero poco spazio alle possibili reazioni dell’avversario. Nei giorni scorsi abbiamo parlato del nostro atteggiamento remissivo contro Noventa e di come questo non ci dia alcun beneficio: abbiamo capito che dobbiamo superare la sensazione di difficoltà e di impotenza che le gare più impegnative ci portano inevitabilmente a vivere in certi momenti. E oggi infatti abbiamo lottato su ogni palla di ogni set, ottenendo il risultato che stavamo cercando.
Siamo andando nella direzione giusta, ma la strada da fare è tanta e ci aspetta ancora molto lavoro da fare”.

Ottima prova di Angelica Tiozzo alla sua prima da titolare in stagione: “Siamo partite forti fin dal primo set e abbiamo continuato con la stessa grinta per tutta la gara. Oggi volevamo riscattare la brutta prestazione di Noventa: siamo riuscite a mantenere la promessa che ci eravamo fatte”.

TABELLINO

Laserjet Orgiano-Alia Aduna Padova 0-3 (19-25, 16-25, 18-25)

Battute punto/errori: Orgiano 5/7, Aduna 6/4; Ricezione: Orgiano 38%, Aduna 41%; Attacco: Orgiano 27%, Aduna 31%; Muri punto: Orgiano 2, Aduna 3.

Durata set: 26’, 23’, 27’

Laserjet Orgiano: Bertelle 9, De Paoli e Canazza 8, Cappellotto 6, Marconcini e Capparotto 4, Trissino e Marchetto 1, Donadello 0, Quagiotto e De Gaspari NE; liberi: Perin e Mencarelli. Coach: Giorgio Viale.

Alia Aduna Padova: Miecchi 14, Volpin 12, Rampazzo 7, Celegato e Grandis 5, Tiozzo 3, Tonina 0, Avanzo, Boscolo, Asquini e Varagnolo NE; libero: Cavalera. Coach: Annalisa De Felip.

 

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visualizzato 22 volte